Grottaminarda – Mentre è in corso l’anagrafe canina, presso gli uffici Asl della cittadina ufitana, il Comune di Grottaminarda sta portando avanti”una battaglia di civiltà, cultura e modernità : cioè la lotta al randagismo”.

Già da un anno vige. un regolamento sulla tutela e benessere degli animali. Ma, visti gli episodi accaduti negli ultimi giorni, anche dei singoli cittadini. Proprio dalle parti dell’Università, dove ci sono anche gli uffici Asl, un branco di cani, infatti, hanno infastidito una persona e inseguito un’auto e una ambulanza del 118. “La battaglia che vogliamo condurre-dice il sindaco Angelo Cobino – è rivolta non solo al benessere degli animali ma anche alla tutela dei cittadini e al decoro urbano”. Per questo ha sollecitato ad intervenire gli organi preposti.

Nel regolamento varato l’anno scorso, quindi, si fa obbligo ad associazioni animaliste e a singoli cittadini possessori di amici a quattro zampe di impedire, a questi ultimi, la proliferazione. In modo che non vengano, poi, abbandonati per strada. A proposito di questo, inoltre nel regolamento studiato dall’assessore alla Sanità Marcantonio Spera, si vieta severamente di abbandonare i cani sul territorio comunale, oppure lasciarli liberi e tenerli senza le dovute cautele.”Perché – continua il comunicato stampa-è disumano abbandonare o trascurare un cane”.

Giancarlo Vitale