“Rifiuto inquinare” a Gesualdo.

A Gesualdo, presso la Sala Consiliare, si è tenuto un incontro dal tema “Rifiuto inquinare”. Hanno partecipato le classi 4^ e 5^ della scuola Primaria e gli alunni della classe 3^ della scuola Secondaria di 1^ grado.

Dopo i saluti del Sindaco Edgardo Pesiri, dell’Assessore all’Istruzione Ida D’Onofrio, l’ingegnere Michele Zarrella ha illustrato il tema.

I bimbi , accompagnati dai loro docenti, gridavano “Puliamo la Terra” nella convinzione che il nostro futuro va tutelato preservando l’ambiente in cui viviamo, anzi, se possibile, ponendo riparo ai tanti errori del passato che hanno inferto danni, a volte irreparabili, alla natura.

“Rifiuto inquinare” vuol indicare uno stile di vita rispettoso della natura che viene messo in atto da persone informate e coscienti che nel fare ciò si sentono parte dell’intera umanità. L’informazione è fondamentale, perciò prima informiamo le giovani generazioni, prima prenderanno coscienza del problema e prima potremo mettere i ripari.

Occorre prima di ogni cosa non sprecare, perché sprecare significa inquinare inutilmente, e poi bisogna migliorare le reti e produrre energia elettrica da fonti rinnovabili. È interessante notare che le fonti rinnovabili (sole, vento, geotermia, onde ..) sono distribuiti su tutto il pianeta. Ogni nazione, sfruttando tali fonti potrebbe rendersi indipendente per quanto riguarda l’approvvigionamento dell’energia.

Agli alunni è stato illustrato l’importanza di camminare a piedi o in bici, di sostituire le lampade a incandescenza con quelle a basso consumo, di spegnere luci e stufe quando si esce dalle classi, di spegnere i motori delle auto inutilmente accesi, di staccare gli apparecchi elettronici TV, computer, radiosveglia, di utilizzare lavatrici a pieno carico.  Tutte queste azioni, se messe in atto quotidianamente, contribuiscono a ridurre l’inquinamento atmosferico e gli effetti negativi sul cambiamento climatico.