Un 50enne del luogo denunciato alla competente Autorità Giudiziaria  per aver rubato le offerte dei fedeli all’interno della chiesa madre “San Martino Vescovo”

San Martino Valle Caudina (AV) – Prosegue senza sosta la lotta alla piaga rappresentata dalla criminalità predatoria, condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino e che ogni giorno vede impiegati i militari dell’Arma in un capillare controllo del territorio teso a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

I Carabinieri della Stazione di San Martino Valle Caudina hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 50enne del posto, già gravato da precedenti di polizia, ritenuto responsabile del reato di furto aggravato, perpetrato qualche giorno fa all’interno della locale chiesa madre “San Martino Vescovo”.

Nel pomeriggio il malfattore, entrato nel luogo sacro, dopo aver forzato la cassetta votiva asportava le offerte dei fedeli, per un ammontare di poche decine di euro.

L’attività d’indagine condotta dai Carabinieri, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché di video dalle telecamere della zona e l’analisi degli elementi raccolti in sede di sopralluogo, permetteva di giungere all’identificazione del responsabile.

I Carabinieri acquisivano così nei confronti del 50enne indizi di colpevolezza tali da attribuirgli la “paternità” di quel furto e che facevano scattare a suo carico la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.