Al Teatro comunale in scena il contrasto al gioco d’azzardo patologico. Le classi quarte dell’Istituto Tecnico Economico del Lombardi di Airola hanno messo in scena la simulazione di un processo penale sul tema del contrasto al gioco d’azzardo patologico

Grande successo al Teatro Comunale per la giornata conclusiva del progetto “Fuori dai giochi“.

Al termine di un lungo percorso di preparazione, le classi quarte dell’Istituto Tecnico Economico del Lombardi di Airola hanno messo in scena la simulazione di un processo penale sul tema del contrasto al gioco d’azzardo patologico, fenomeno che negli ultimi anni sta dilagando drammaticamente sul territorio.

Perfetta la performance dei ragazzi che, in toga e in uno scenario da aula di Tribunale , hanno dato vita al dibattimento, ognuno nel suo ruolo di  Collegio giudicante, Pubblico Ministero , Parte civile, Difesa , Imputato , testi ,etc.

Il team di lavoro che si è impegnato durante l’intero anno scolastico nella preparazione dei discenti era formato da magistrati , avvocati e Docenti del Lombardi.

La giornata è cominciata con il saluto di benvenuto della Dirigente scolastica, Prof.ssa Marilina Cirillo, del Sindaco di Airola, Michele Napoletano, e dell’assessore comunale alla Cultura, dott.ssa Angelina Capone. Dopo la rappresentazione degli alunni, il Vescovo di Cerreto Sannita, don Mimmo Battaglia, ha concluso i lavori invitando i ragazzi ad amare la vita, ad essere sempre se stessi, responsabili del loro agire e a non farsi “fregare da false illusioni”.

Grande ed attentissima la partecipazione sia degli studenti che del pubblico ospite, presente in sala. Il team di lavoro era composto da: Anna Tirone, Luigi Iglio, Lucrezia D’Abbruzzo, Nunzia Meccariello, Elena Iavarone, Elisa Liberi, Antonia Meccariello, Carmelina Oropallo e Giovanni Palma.