La paradossale vicenda del Conservatorio “Cimarosa”, almeno per quanto riguarda l’Amministrazione Provinciale, merita di essere chiarita. Anzitutto, per informare gli studenti, le loro famiglie, il personale docente e non docente del Conservatorio, i vertici di quella Istituzione.

Solo dopo diverse sollecitazioni da parte degli Uffici della Provincia a quelli del Comune è stata notificata alle ore 11.20 a Palazzo Caracciolo, per il tramite di un messo comunale, l’Ordinanza – nota agli organi di informazione e non ai diretti interessati – a firma del responsabile del procedimento, del responsabile del servizio SUE e del dirigente.

L’Ordinanza è datata 22 maggio 2019, registrata il 23 maggio 2019 e notificata il 24 maggio 2019 agli Uffici della Provincia.

Non appena ricevuto il provvedimento, il presidente Domenico Biancardi ha convocato un tavolo tecnico, all’esito del quale si è stabilito di chiedere solo la revoca del provvedimento in autotutela al Comune di Avellino, per le motivazioni tecnico-giuridiche esplicitate nella nota a firma congiunta del presidente e dei dirigenti della Provincia, inviata a mezzo pec al Comune di Avellino (alle ore 13,25) e, per conoscenza, alla Prefettura di Avellino.