Domani tavola rotonda all’Istao sul futuro della manifattura, tra innovazione e sostenibilità: le proposte delle Regioni Marche ed Emilia-Romagna. Bora: “Un confronto costruttivo su competitività e lavoro”

Una tavola rotonda per discutere sul futuro della manifattura tra innovazione e sostenibilità. Si terrà domani (martedì 4 giugno, ore 14.30), presso la sede dell’Istao di Villa Favorita (Via Zuccarini, 15 – Ancona), nell’ambito di un incontro organizzato dall’Istituto Adriano Olivetti. L’evento è inserito nel calendario del Festival dello sviluppo sostenibile 2019 promosso dall’Alleanza per lo sviluppo sostenibile (Avis) a cui partecipano numerosi e autorevoli enti in tutta Italia. Al centro del dibattito, le proposte delle Regioni Marche e dell’Emilia-Romagna. “Daremo vita a un utile e costruttivo confronto con una realtà strettamente ancorata alla parte più innovativa del Paese, compresa nel triangolo lombardo-emiliano-veneto, per riorientare il tema dell’innovazione e della sostenibilità a sostegno della competitività regionale e della salvaguardia del lavoro”, commenta l’assessora alle Attività produttive, Manuela Bora. Tra i temi trattati, quelli relativi agli strumenti di politica industriale a favore del comparto manifatturiero e le esperienze in corso. Relatori della tavola rotonda saranno il presidente Istao Pietro Marcolini, l’assessora Manuela Bora, la dirigente Servizio Attività produttive, Lavoro e Istruzione Regione Marche Patrizia Sopranzi, il responsabile Servizio Ricerca, Innovazione, Energia ed Economia sostenibile Regione Emilia-Romagna Silvano Bertini.