Il Gesualdo batte la Bisaccese in trasferta e sale in classifica a 7 punti lasciando i padroni di casa in piena zona playout a 4 punti.

Il Gesualdo parte forte comprimendo i padroni di casa nella loro metà campo e al 10′ sono in vantaggio: Olando lancia lungo, Caloia sfugge al difensore e, da poco dentro l’area, supera il portiere in uscita. La partita diventa più equilibrata con i padroni di casa che spingono per ottenere il pari. Non si rendono mai realmente pericolosi con Mazzotta dalla destra e Corazzelli sulla sinistra che sfuggono in qualche occasione ai rispettivi avversari ma i loro cross non si concretizzano in reali pericoli per la porta difesa da Gubitoso, Ma proprio allo scadere, da una punizione battuta quasi da metà campo, il portiere ospite sbaglia l’uscita e Sacchitelli facilmente deposita in rete.

Nel secondo tempo le due squadre mai pericolose con i padroni di casa che premono per passare in vantaggio. Ma il gol vittoria lo realizza Starita per il Gesualdo al 58′: errore di Troisi che in area di rigore sbaglia il retropassaggio al portiere, Starita intercetta la palla supera Parisi in uscita e deposita in rete. Gli ospiti si riversano in attacco, alla mezz’ora lancio per Torselli che supera il difensore in area e subisce fallo. L’arbitro fischia il rigore. Sul discetto va Lovasto, Gubitoso respinge la conclusione ma l’attaccante si ritrova la palla tra i piedi ma, incredibilmente, calcia alto. Negli ultimi 15 minuti la Bisaccese attacca ma non si rende mai realmente pericolosa. Alla fine sono gli ospiti ad esultare per la vittoria ottenuta.

Molto bene negli ospiti la difesa con Bellofatto, Starita e Memmolo, ma anche il centrocampo con Olando e Riefoli che si combinano molto bene e soprattutto Caloia che ha sfruttato benissimo l’occasione di inventarsi centravanti ma che oltre al gol riesce a giocare per la squadra tenendo sempre impegnate le difese avversarie.

Nella Bisaccese benissimo Corazzelli e Mazzotta sempre vivaci e pronti a rendersi pericolosi, difesa solida con Solazzo e Sacchitelli. In ombra Torsiello e Lovasto colpevole anche di aver sbagliato il rigore che ha condannato la sua squadra alla sconfitta.