Flumeri, il Sindaco Lanza:” Il picco nel nostro paese lo prevediamo la prossima settimana”

2064

In Irpinia i casi di covid-19 sono in continuo aumento, a venerdì 20 il totale era di 124. A Flumeri , attualmente, cinque sono i tamponi risultati positivi. Chiediamo al Sindaco Angelo Lanza la situazione attuale e le prospettive.

La situazione la preoccupa?

“Preoccupa la situazione del mondo, è una pandemia,  tutti dobbiamo mantenere la calma, unico modo per uscirne fuori, a cominciare da noi istituzioni,  la gente deve capire che deve restare a casa”.

Prevede l’incremento dei casi da covid-19 in paese?

“Aumenteremo qui i positivi,  il picco nel nostro paese lo prevediamo la prossima settimana ,è un’infezione virale, ci sono stati scambi con paesi limitrofi dove il focolaio è avanzato, nella zona industriale viene a lavorare a Flumeri lavoratori provenienti da tanti paesi e sono stati a contatto con i flumeresi. Gli scambi tra attività commerciali , fra aziende e rapporto di vicinato fra noi e il Comune di Ariano Irpino sono notevoli, statisticamente ce lo possiamo aspettare un aumento degli attuali casi”.

A Flumeri, un primo caso di un anziano ospitato  in una Casa di Cura ubicata in paese, come stanno le cose?

“ Dopo un primo caso, lì ci sono persone anziane, aspettiamo l’esito dei tamponi per loro, sarà l’Asl a gestire la questione,  chi ospedalizzare, chi curare sul posto, chi mettere in quarantena semplicemente”.

Per i casi adesso positivi , com’è la situazione dei loro familiari?

“I familiari delle persone che si sono ammalate, al momento, non sono positivi e stanno facendo la quarantena senza sintomi”.

Ha preso la decisione di chiudere le attività commerciali, la spesa viene consegnata a casa dei suoi concittadini, come è stata presa questa iniziativa?

“Inizialmente ci sono state polemiche, adesso vanno bene, andranno sempre meglio, il nostro obiettivo è di tenere la gente a casa, non in mezzo alla strada, sono  lì che avvengono i contatti”.

Infine, conclude:” L’ appello è sempre lo stesso: stare a casa, fin quando non ci saranno tempi migliori”.