Durante la giornata sono state registrate 114 visite e, vista l’affluenza, sono terminate dopo l’orario previsto per la fine. Prossimo traguardo: Christhmas bubbles”

Domenica 10 novembre Lacedonia si è tinta di rosa, grazie alla giornata della prevenzione patrocinata da Amdos e promossa dal senologo Carlo Iannace – medico chirurgo e dirigente della Breast Unit dell’Ospedale Moscati, in cooperazione con l’Asl di Avellino, in presenza della Direttrice generale, la dott.ssa e manager Maria Morgante.

Durante la mattinata, in Via Tribuni, nello spazio antistante il Museo Mavi, due camper dell’Asl (Distretto di S.Angelo) a donne di ogni età, hanno effettuato 35 mammografie e 30 pap test, mentre il pomeriggio, dalle 15:00 fino a tarda serata, presso l’edificio comunale “Ex Pretura”, sono state effettuate 114 visite mediche su base oncologica: 61 senologiche, effettuate dal dottor Carlo Iannace, 30 visite podologiche e 23 controlli dermatologici, effettuati dal podologo Pasquale Macina e dalla dermatologa Felicia Imperiale.

Alla giornata è stato presente dall’inizio alla fine l’Avv. Antonio di Conza, sindaco di Lacedonia, accompagnato dall’assessore Marilinda Donatiello.

Esprimo tutta la mia gratitudine all’Asl e all’Amdos e al dottor Iannace che hanno intrapreso questa iniziativa. C’è stata un’intensa collaborazione tra i vari enti, le istituzioni e il comune di Lacedonia. Ringrazio anche la Fratres che ci ha dato una mano per l’organizzazione dell’evento. Sono contento perché c’è stata una grandissima partecipazione non solo di donne del posto, ma anche dai paesi limitrofi; questa è la prova che da una forte interazione tra enti diversi si può giungere ad un ottimo risultato. Non dobbiamo mai dimenticare di fare prevenzione a tutte le età. Io e tutta l’amministrazione comunale ci impegneremo ad organizzare altri eventi di questo tipo, per sensibilizzare più persone possibili a fare prevenzione” – ha dichiarato il sindaco.

Tra una visita e l’altra, nell’atrio tutto decorato da palline rosa, cartelloni e alberelli hand made, Pina Martina, presidente Amdos Irpinia, affiancata da altre volontarie, ha dato qualche utile informazione sulla prevenzione da fare a casa, come: l’autopalpazione sotto la doccia, l’uso corretto del reggiseno, la giusta igiene e depilazione della zona ascellare che risulta essere una parte molto delicata, nonché campanello d’allarme di un eventuale problema senologico.

Dott.ssa Martina, dopo il successo della Camminata Rosa a Mercogliano, dei 17 km di Sciarpa Rosa realizzata a Lioni da Guinness, avete realizzato le palline esposte, in vista del Natale?

Le palline fanno parte di un nuovo progetto Christmas Bubbles, nato da un’idea di Carlo Iannace e delle Amdos e Amos Irpine con Open Onlus-Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma per regalare un sorriso ai giovani colpiti dal cancro. L’iniziativa sta avendo già successo in vari paesi dell’Irpinia, pensi che il proprietario di una ditta ne ha acquistate circa 265 che regalerà ai suoi operai a Natale”.

Le palline inoltre, possono essere realizzate da tutti, rispettando delle istruzioni:

1. Usare materiali creativi come la lana

2. Creare palline con un gancio da poterle appendere

3. Il colore deve essere sulle tonalità del rosa

4. Alla base ci vogliono tanto cuore, amore e solidarietà

Di queste palline, una parte serviranno ad addobbare l’albero di Natale dell’ospedale Moscati di Avellino, le altre saranno vendute durante i mercatini di Natale ad Avellino e Taurasi, mentre a S. Leucio del Sannio, paese natale del dottor Iannace, sarà allestito un albero voluto fortemente da tutte le donne operate dal dottore.

Il ricavato di queste vendite sarà devoluto in beneficenza per l’acquisto di materiale e strumenti multimediali,  per allestire una stanza dedicata ai giovani adolescenti colpiti da cancro pediatrico in cura presso il Dipartimento di Oncologia Pediatrica del P. O. “Pausilipon” di Napoli”.