Quarta sconfitta consecutiva per l’Avellino di Capuano. Finisce 2 a 0 per la Casertana di Ginestra il derby campano. “Non mi è piaciuto l’atteggiamento arrendevole” ha commentato il tecnico dei biancoverdi a fine gara. In effetti, dopo aver ‘dominato’ nei primi minuti, colpendo anche un palo, la squadra irpina si è arresa ancora una volta dopo il primo gol degli avversari, non riuscendo più a reagire, non riuscendo a metterci più quella ‘cattiveria agonistica’, ma solo quella fisica che alla fine, non produce mai niente di positivo.

Di fatto le squadra si schierano a specchio con il 3-5-3 con gli irpini che fanno a meno di Parisi per squalifica e di capitan Morero, in panchina per infortunio. Ginestra per la Casertana schiera un 3-5-2 con l’ex D’Angelo in campo, Zito in panchina e Castaldo assente.

L’Avellino, come sempre parte bene, al 4’ crea già la prima occasione da gol con una punizione da centrocampo di Di Paolantonio che calcia lungo in area, Laezza di testa colpisce debolmente. Due minuti dopo Charpentier di testa colpisce il palo, il tiro successivo in area di Di Paolantonio, deviato, finisce di poco a lato. La Casertana gioca prevalentemente di rimessa, e in una delle poche azioni rossoblù, Origlia in velocità va al tiro in diagonale in area irpina, la palla finisce sul palo e sulla ribattuta è lesto Starita al 7’ ad insaccare l’1 a 0. Di fatto la gara finisce qui. L’atteggiamento dei lupi è positivo, sono principalmente nella metà campo avversaria, ma davvero poco pungenti. All’11’ Starita, recupera palla durante un disimpegno irpino e con un tiro in diagonale mette la palla di poco fuori. Di Paolantonio (22’) al tiro, la palla deviata, finisce di poco fuori. Al 25’ Illanes al volo in area in semirovesciata, Crispino d’istinto respinge con i pugni, Albadoro raccoglie, ma da pochi passi mette fuori. Allo scadere della prima frazione di gioco arriva il ko finale con D’Angelo che sul secondo palo, insacca di testa il 2 a 0 su cross di Origlia dalla sinistra.

La ripresa è meno bella della prima frazione di gioco, aumenta il nervosismo in casa Avellino e la squadra gioca davvero molto male. Al 51’ Albadoro prolunga in area per Laezza, il tiro al volo da buona posizione è alto sulla traversa. Illanes prima e Zullo poi, in un’azione confusa in area, vanno al tiro, ma guadagnano solo un angolo. All’81’ Alfageme anticipa il portiere di casa Crispino, ma il colpo di testa manda la palla fuori. All’82’ la Casertana, in ripartenza, si rende pericolosissima con Starita che su un passaggio di Paparusso, mette di poco a lato. Al 93’ la gara si chiude con un colpo di testa di Zullo che si conclude fuori sul palo opposto.

Non ingannino le azioni ‘segnate’ a favore dei lupi. La gara si è svolta prevalentemente a centrocampo con l’Avellino che ha agito nella trequarti avversaria, ma senza quella ‘cattiveria’ agonistica a cui accennavamo all’inizio di questo articolo. Solo tanto nervosismo che sostanzialmente non ha prodotto nulla. Brava la Casertana a difendersi bene e a raccogliere nelle ripartenze le occasioni per vincere la gara.

Domenica prossima, con inizio alle 17:30 i lupi dovrebbero scendere in campo contro il Rieti. La squadra laziale però oggi non è scesa in campo per lo sciopero dei calciatori e non è riuscita neanche a schierare la squadra Beretti. Si prospetta, quindi anche per domenica un forfait e l’esclusione dal campionato di Lega Pro.

CASERTANA-AVELLINO 2-0

Marcatori: 7’ Starita (C), 45’ D’Angelo (C)

CASERTANA (3-5-2): Crispino; Rainone (34’ pt Paparusso), Silva, Caldore; Logo, D’Angelo, Santoro, Clemente (73’ Matese), Adamo; Starita, Origlia (79’ Floro Flores). A disp.: Zivkovic, Galluzzo, Gonzalez, Zito, Zivkov, Ciriello, Varesanovic, Petito. All. Ciro Ginestra

AVELLINO (3-5-2): Tonti; Illanes, Zullo, Laezza; Celjak (56’ Silvestri), Rossetti (46’ Njie), Di Paolantonio, De Marco, Micovschi (68’ Karic); Albadoro (56’ Alfageme), Charpentier. A disp.: Pizzella, Abibi, Palmisano, Morero, Carbonelli, Evangelista. All. Ezio Capuano

Arbitro Marco D’Ascanio di Ancona (assistenti Davide Meocci di Siena e Nicola Mariottini di Arezzao)

Ammoniti: Albadoro (A), Laezza (A), Adamo (C), Matese (C)

Angoli: 1-4

Recupero: 2’ pt; 4’ st