Le dimissioni di Sako, sono state state annunciate dalla stessa, dopo delle dichiarazioni espresse nelle varie interviste televisive, in quanto affermava che l’ incidenza del terremoto avvenuto il 26 novembre avrebbe potuto provocare più vittime del dovuto.

In carica da pochi mesi, la Sako, ha dichiarato di essere soddisfatta delle 50 vittime, riferendo che il bilancio dei morti sarebbe potuto essere ancora più grave.

Le sue dichiarazioni hanno creato subito critiche negative al riguardo dall’ intera comunità e dalle televisioni locali, afferendo di una crudeltà che porta enormi dubbi e titubanze nell’ ascoltare tali dichiarazioni.

Ad attaccarla duramente sono stati soprattutto gli utenti sui social, che non hanno accettato nemmeno le sue chiarificazioni.

La Sako aveva infatti ammesso che anche una sola vittima è tragedia, sostenendo che i detrattori l’avessero mal interpretata.

Invana, la sua rivalsa nel suo intendo di voler spiegare il malinteso recepito da tutti, dove, non esisteva intenzione di voler affermare una ipotesi tradotta in una manifestazione percepita come “appagazione” di tale calamità.

Ferita e offesa da una forte e negativa reazione rispetto alla dichiarazione rilasciata in quanto ha affermato che: ” in una situazione di uno stato di forte stress in cui si andava oltre le proprie forze ” ha rassegnato la dimissioni dall’incarico tramite un suo post su Facebook.

Le vittime del terremoto sono 51 ad oggi, di cui 26 solo a Durazzo dove si è visto crollare due alberghi sulla spiaggia, due palazzi ed una villetta di tre piani.

Leggi su TgNewsTV