Resterà visitabile ancora per qualche giorno, (fino al 13 dicembre), nelle sale del Castello d’Aquino di Grottaminarda, la mostra pittorica dell’artista Romano Albanese.

Una selezione di 16 quadri di grandi dimensioni alcuni dei quali a tema musicale, che richiamano anche l’essere artista a tutto tondo di Albanese in quanto musicista, cantante, scenografo e vetrinista.

Origini arianesi ma residente da oltre 10 anni in Sardegna, Albanese resta legato alla sua terra d’origine: in contemporanea alla mostra di Grottaminarda sta esponendo anche ad Ariano Irpino in Via Tribunali, presso Palazzo ex Ciccone.

Ricchissima la sua produzione artistica con circa 300 opere.

Di lui Guido Folco, direttore del Museo “Miit” (Museo Internazionale Italia Arte – Arte moderna e contemporanea) dice: “Riesce a declinare la figurazione e l’astrazione con estrema fluidità del mestiere.

Sia la sintesi del segno, sia l’efficacia e veemenza della pennellata, donano ai suoi lavori potenza espressiva ed eleganza formale”.

Dunque uno stile estremamente riconoscibile ed un tratto molto personale che vale la pena di osservare con attenzione nella prestigiosa cornice del Castello d’Aquino, un vero e proprio incubatore culturale oltre che monumento storico di Grottaminarda con il suo Antiquarium, la Biblioteca e le tante iniziativa di spessore che vi si tengono.

Questi gli orari utili per la visita: 8.45 – 13.30 tutti i giorni e 16.00 – 18.30 il martedì e giovedì.

Leggi su TgNewsTV