Sarà un Natale Speciale per il Reparto di Oncologia ed Ematologia Pediatrica del Santobono Pausilipon di Napoli, in memoria di Gianmichele Modestino

206

Dopo mesi di “raccolta balocchi” ad Ariano Irpino, organizzata dai membri della parrocchia di San Pietro Apostolo, guidati da Don Daniele Palumbo e le associazioni, tra cui l’Associazione “Ruote bianche”, il 20 dicembre, giorno del compleanno di Giammy, i balocchi sono finalmente arrivati a destinazione.

Dopo la celebrazione della Santa Messa nella chiesetta del cimitero, e un momento di preghiera vicino la tomba di Gianmichele, i volontari e i genitori, papà Raffaele e mamma Francesca, a bordo della Volkswagen “bulli” di Babbo Natale, sono partiti per Napoli.

Signora Francesca, mi rivolgo a lei che è la mamma e, come tutte le mamme che perdono i loro figli, si affidano a qualcosa o a qualcuno per andare avanti…
Visto che il Natale è ormai alle porte, chi è diciamo la sua “stella cometa”, verso cui volge lo sguardo e ha confidato sia oggi, che durante il periodo di malattia di Gianmichele?

La mia stella cometa, il mi punto fermo è il Signore che tutto può; io credo in Lui che ha fatto grandi cose per noi, come liberarci dal peccato originale, perciò a Lui, niente è impossibile. Ho pregato tanto, ho chiesto e ottenuto preghiere dall’intera comunità. Avevamo chiesto un miracolo: tanta vita terrena…
Però, il vero miracolo è ciò che sta accadendo adesso: vedere tante persone tra amici di scuola e di catechesi di Giammy, amici di famiglia, persone di Ariano e di altri paesi limitrofi uniti nel dare amore.

Durante il tragitto Ariano-Napoli, che sensazioni ha avuto?
Mentre ci avvicinavamo alla meta, cresceva l’ansia di non riuscire a trasmettere i reali messaggi legati a questo evento, dettata dalla consapevolezza della giovane età della maggior parte dei partecipanti.

L’evento ha soddisfatto le sue aspettative?
Dopo 4 ore trascorse al Pausilipon, insieme a tanti bambini e ragazzi, ci siamo recati a Piazza San Luigi, dove abbiamo organizzato una festa con musica live, palloncini, balli e animazione. Abbiamo consegnato altri doni ai ragazzi che dopo aver fatto la terapia, stavano rientrando a casa. In quel preciso momento, ho capito di aver vicino persone uniche che oltre alla consegna dei balocchi hanno dato molto di più: tutta l’energia, l’entusiasmo e l’affetto che potevano dare, lo hanno regalato a quei ragazzi e loro, inconsapevolmente, anche grazie ai genitori, gli infermieri, gli Oss che ci hanno accolto, hanno regalato a noi emozioni indescrivibili che ci porteremo sempre nel cuore.

Quale augurio si sente di dare a tutte le persone che soffrono e passeranno il Natale in ospedale?
Il mio augurio lo esprimo con il monito lanciato dal nostro caro e amato Giammy, in un momento difficile della sua vita “Il meglio della vita deve ancora venire”: un invito a vivere la vita a pieno e a non arrendersi mai.
Rivolgiamo un augurio speciale di Buon Natale e Felice 2020 di vero cuore a tutti. Francesca, Raffaele, Dalila e Gianmichele #giammysempreconnoi