La Sidigas conquista la prima in Serbia. Sconfitta la Mega Leks per 84 a 70

995

Prima gara internazionale di questa stagione per la nuova Sidigas Avellino. Seguiti da un temerario gruppo di O.F. gli uomini di Sacripanti tentano di conquistare la prima vittoria nel nuovo torneo della Fiba Champions League.

L’Avellino della palla a spicchi attaccata ai pc spera nell’impresa in terra balcanica.Il primo quarto inizia con Avellino che schiera il quintetto titolare, con al centro Ragland, sulle fasce Obasohan e Randolph e al centro Leunen e Cusin. Primi tre punti conquistati dalla lunetta da Ragland per fallo subito su tiro pesante. Mini break di quattro a zero per i padroni di casa che a sette e trenta dal termine si portano avanti di un punto. Cusin servito da Randolph piazza due punti dall’area riportando avanti Avellino. Ancora Cusin che appoggia a canestro servito da Ragland. Palla recuperata in difesa e sulla transizione Randolph realizza i suoi primi due punti. Perfetta parità sul nove pari a cinque minuti dal termine. Cusin serve sulla fascia un liberissimo Obasohan che subito si prende e realizza una bomba da tre punti. Time out chiamato dai padroni di casa. Sacripanti prova sul parquet il doppio play con l’ingresso di Green. Anche Zerini viene lanciato nella contesa al posto di Leunen. Un efficace Zerini servito da Green trova subito i tre punti da oltre l’arco. Su transizione difensiva Randolph ne approfitta per appoggiare a canestro per altri due punti. Ottima apertura al centro per Ragland che lasciato libero si prende una bomba da tre punti. Avellino allunga a +7 ad un minuto e quaranta dal termine. Un efficace Fesenko riesce a girarsi spalle a canestro e ad appoggiare per i suoi primi due punti dell’incontro. Il primo quarto termina con il punteggio di 22 a 19 per la Scandone.

Il secondo quarto vede confermare il doppio play da parte di Sacripanti. Green trova libero al centro Andrea Zerini che subito realizza da oltre l’arco la prima tripla del secondo quarto. Fesenko centralmente si tira dietro tre difensori e ne approfitta per scaricare fuori per Severini che realizza da oltre l’arco i suoi primi tre punti. Avellino avanti di cinque a sette minuti dal termine. Un caldissimo Zerini, nonostante la marcatura prova e trova la sua seconda tripla dell’incontro. Ancora Fesenko che dallo scarico centrale trova sulla destra libero Ragland che subito tira e realizza una bomba da tre punti. Time out chiamato dal Mega Leks per fermare la transizione positiva per gli irpini. In un amen Avellino avanti +11 a cinque e quaranta dal termine. Green serve in corsa Fesenko che riesce a trovare la coordinazione ed a realizzare due punti. Break a favore dei padroni di casa che riescono ad arginare l’attacco irpino e rosicchiano quattro punti alla Scandone. Subito Sacripanti chiama time out per discutere sul calo di concentrazione dei suoi uomini. Al ritorno sul parquet Avellino continua a non trovare la via del canestro con diversi tiri sbagliati da oltre l’arco. Il Mega Leks non ne approfitta sbagliando altrettante soluzioni di tiro semplici. Quattro minuti di stand by degli irpini fanno riavvicinare i padroni di casa a -4 nel punteggio. Ultimi due punti per la Scandone con Fesenko che recupera un rimbalzo offensivo. Il tempo termina con il punteggio di 38 a 34 per Avellino.

Il terzo quarto inizia con la Scandone che schiera al centro Joe Ragland. Prima tiro pesante proprio dell’americano che conquista tre punti. Ottima rotazione di palla per Avellino che riesce a portare al tiro pesante un liberissimo Ragland. Su palla rubata in difesa da Green in contro piede Randolph appoggia a canestro per altri due punti. Time out chiamato dai padroni di casa. Al ritorno sul parquet ancora Avellino incisiva con Green che realizza subito tre punti. Randolph in contro piede viene fermato fallosamente e dalla lunetta realizza entrambi i liberi. La Sidigas avanti di undici a quattro e quaranta dal termine. Green intercetta un ottimo pallone in difesa lanciando subito Randolph che schiaccia liberissimo per due punti. Altro time out chiamato dal Mega Leks. Altro break a favore dei padroni di casa che recuperano ben sei punti agli irpini. Buon fallo guadagnato da Green che realizza entrambi i liberi dalla lunetta. Ottimo passaggio di Randolph per Cusin che appoggia alle plance per due punti. Il tempo termina con il punteggio di 57 a 48 per la Sidigas.

Il quarto quarto vede Sacripanti schierare Green nel ruolo di play. Ottima intesa di Green con Randolph che consente a quest’ultimo di appoggiare a canestro per due punti. Perfetta rotazione di palla degli uomini di Sacripanti che costringono i padroni di casa a commettere fallo su Randolph che dalla lunetta realizza entrambi i liberi. Leunen serve sulla fascia Ragland che nonostante la doppia marcatura riesce a trovare una bomba da tre punti. Avellino sempre avanti di nove a sei dal termine. Anche Leunen si segna a referto da par suo realizzando tre punti da oltre l’arco. Time out chiamato dai padroni di casa. Nuovamente Leunen a servire un liberissimo Randolph sulla fascia sinistra che da oltre l’arco piazza l’ennesima bomba. Avellino allunga sul +11 a quattro minuti e mezzo dal termine. Ragland in penetrazione si conquista due liberi entrambi realizzati. Slalom di Green tra diversi lunghi avversari con palla servita al bacio per Randolph che appoggia a canestro per due punti. Ancora palla rubata in difesa dalla Scandone con Ragland che appoggia a canestro per due punti sulla transizione. Altra perfetta circolazione di palla per la Sidigas con Fesenko che serve Ragland sulla fascia sinistra per un’altra bomba dell’americano. Ancora Fesendo a servire Leunen che dalla distanza conquista altri tre punti. Ultimo canestro di Randolph che fissa il punteggio sull’84 a 70 per la Scandone.