Taurasi (AV) – Si continua a girare Il giovane Pertini

1018
Dopo il paesino di Montefusco il regista irpino Giambattista Assanti e la sua troupe si sono spostati, da ieri, a Taurasi, paese noto soprattutto per i suoi vini. Qui, nel suggestivo scenario offerto dal castello, si sta continuando a girare alcune scene de “Il giovane Sandro Pertini”, lungometraggio prodotto da Genoma Films con i coproduttori Matteo Salocchi e Paradoxa di Amedeo Gagliardi.
La sceneggiatura è curata dallo stesso Assanti con Stefano Caretti, presidente del Centro Studi “Sandro Pertini” di Firenze. Il film parla di un periodo poco conosciuto del Presidente, interpretato da Gabriele Greco, considerato ancora tutt’oggi come quello più amato dagli italiani, e cioè gli anni della prigionia che vanno dal 1929 al 1943. Anni dolorosi e difficili, mesi in cui nonostante la crudeltà ed il disprezzo, soprattutto da parte di un carceriere fascista, interpretato da Andrea Papale, non riescono a scalfire gli ideali di colui che diventerà il settimo presidente del nostro Paese. Unico conforto sono gli scambi epistolari con la madre Maria, interpretata in maniera magistrale da Dominique Sanda, nonostante la stessa stia soffrendo per le rigide temperature invernali degli ultimi giorni, e con la fidanzata Matilde Ferrari. Una fidanzata che nonostante non lo abbandoni mai durante tutti gli anni della prigionia, verrà lasciata e non si sposerà mai, trovando il coraggio di raccontare ai suoi nipoti del legame che aveva avuto col giovane Pertini solo in punto di morte. Un film molto intenso e struggente, che ci fa scoprire aspetti intimi e personali di Pertini e che farà conoscere al grande pubblico paesini del nostro entroterra che meritano di essere visitati. Nel cast, oltre ai già citati Greco e Sanda, anche Cesare Bocci, che ieri a Taurasi ha girato alcune scene, ed anche Riccardo Scamarcio e Giancarlo Giannini, nonché diverse comparse del posto.