Avellino – – Rappresentatività raggiunta: il Consorzio verso il riconoscimento

639

Avellino – Missione compiuta: il Consorzio di Tutela Vini d’Irpinia supera la soglia di rappresentatività del 35% dei produttori irpini e del 51% delle produzioni rivendicate, come previsto dalla legge, per tutte e tre le denominazioni DOCG, Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Taurasi.

Il raggiungimento di tale obiettivo consente ora all’organismo guidato da Stefano Di Marzo di presentare la domanda al Ministero per le Politiche Agricole per il riconoscimento delle funzioni di tutela, promozione, valorizzazione e informazione del consumatore, nonché quelle di vigilanza sull’operato dei produttori associati, di modifica dei disciplinari di produzione e di collaborazione con il Ministero contro abusi e contraffazioni delle denominazioni tutelate, ai sensi dell’art.41 del nuovo Testo Unico sul Vino, Legge 12 dicembre 2016, n.238, appena emanato. Il passaggio sarà formalizzato questa sera con delibera del Consiglio di Amministrazione.
Un risultato importante, fondamentale che corona un impegno portato avanti con costanza e passione per 14 anni.“in questi mesi non si è mai interrotta l’opera di divulgazione da parte di tutti i Consiglieri di Amministrazione e grazie a tale impegno costante, e all’entusiasmo riscontrato tra i produttori dei tre areali a DOCG, siamo riusciti a tagliare questo traguardo. La partecipazione, l’attenzione dell’intera filiera produttiva – precisa Di Marzo – testimoniano la ferma volontà del settore di fare sistema e lavorare per il salto di qualità definitivo di un comparto strategico per l’economia locale e regionale.