Sidigas Scandone Avellino vs Armani Jeans Milano, contro la top five la Scandone sbanca per 80 a 68.

895

Un acciaccato Ragland in preriscaldamento anima i cuori dei tanti tifosi irpini giunti oggi a sostenere la Sidigas nella sfida per eccellenza.

La squadra di Sacripanti affronta il team attualmente più in forma del nostro torneo, con la certezza che una vittoria lancerebbe la Scandone come una delle favorite alle prossime final eight. La città e il pubblico bianco verde ci credono nell’impresa ed il colpo d’occhio offerto dagli spalti gremiti sono il sintomo di una passione che giorno dopo giorno stà travolgendo le falde del partenio.

Il primo quarto vede schierato per la Sidigas al centro Ragland, sulle fasce Thomas e Randolph e al centro Fesenko e Leunen. Fesenko conquista facilmente il primo pallone e lancia i biancoverdi in attacco. Proprio il lungo ucraino servito al centro appoggia per i primi due punti. Granitica difesa degli irpini che costringe Milano a perdere palla in ben tre occasioni. Ragland scarica fuori per Thomas che subito cerca e trova la prima bomba della partita. Step di cinque a zero per la Sidigas con Milano ancora a zero punti. Primi due punti di marca Armani per mano di Mclean dal centro dell’area. Cinciarini in contro piede si lancia fronte a canestro e realizza altri due punti. Punteggio di 5 a 4 per i padroni di casa a sei e quaranta dal termine. Perfetto scarico di Leunen per Thomas che subito tenta il tiro pesante subendo fallo. Dalla lunetta realizza solo due liberi. Bella palla servita al centro da Leunen per Fesenko che girandosi spalle a canestro realizza due punti subendo fallo. Dalla lunetta realizza anche l’aggiuntivo. La difesa irpina ha alzato un vero muro sporcando tutti i tentativi di canestro dei meneghini. Retin Obasohan si segna a referto che una bella tripla. Meclean si beve la difesa irpina e in acrobazia schiaccia per due punti. Uno scatenato Fesenko recupera un buon pallone al centro e realizza un altro canestro subendo fallo aggiuntivo. Dalla lunetta sbaglia il tiro libero. Meclean subisce fallo su tentativo di schiacciata e va in lunetta per due tiri liberi che converte in un solo punto. Sacripanti manda sul parquet sia Zerini che Randolph. Palla rubata da Cinciarini in difesa e sulla transizione altri due punti per l’italiano. Ragland serve sulla destra un liberissimo Randolph che cerca e trova la sua prima bomba del match. Anche Ragland si segna a referto trovando il tiro pesante che costringe coach Repesa a chiamare il primo time out. Avellino vola con il punteggio di 21 a 9 a due minuti dalla fine del primo quarto. Al ritorno sul parquet Raduljca viene servito centralmente e sul tentativo di appoggio alle plance subisce fallo. Dalla lunetta realizza entrambi i liberi. Thomas servito da Ragland al centro dell’area alza la parabola e realizza due punti. Dall’altra parte uno scatenato Raduljca schiaccia per due punti irruenti. Andrea Zerini ne approfitta di un vuoto difensivo e appoggia alle plance per due punti subendo anche fallo. Dalla lunetta realizza il tiro aggiuntivo. Randolph ruba una palla velenosa in difesa e sul contro piede appoggia da due punti. Sempre Raduljca sull’altro fronte realizza un canestro da due. Green serve al bacio Fesenko che non deve far altro che appoggiare alle plance per due punti. Il quarto termina con il punteggio di 30 a 15 per i padroni di casa.
Il secondo quarto vede la Sidigas confermare nel ruolo di play Marques Green. Pascolo servito al centro alza la parabola per i suoi primi due punti. Levi Randolph dopo un doppio palleggio alza il tiro e buca la retina da due. Dall’altra parte Fontecchio in velocità appoggia alle plance per due punti. Sempre Fesenko approfittando della sua stazza si libera e realizza un canestro da due. Doppio play in campo per Sacripanti. Dalla lunetta Raduljca converte in un punto il fallo subito su tentativo di schiacciata. Palla rubata da Kalnietis in difesa che si lancia in contro piede con due punti realizzati. Dada Pascolo accorcia ancora la distanza sfruttando una penetrazione centrale per realizzare altri due punti. Time out chiamato da Sacripanti a sette minuti dal termine. Grande palla al centro di Green per Fesenko che sul tentativo di tiro viene fermato fallosamente. Dalla lunetta realizza un solo canestro. Palla persa da Obasohan al centro del campo con Milano che ne approfitta per con conquistare altri due punti. Per fortuna Ragland dalla destra nonostante la marcatura trova la sua seconda bomba. Dall’altra parte uno scatenato Pascolo risponde con un tiro pesante da tre punti. Simon servito liberissimo al centro appoggia alle plance per due punti. Avellino avanti di sette a tre e quaranta dal termine. Mclean si beve la difesa di Fesenko e schiaccia per due punti. Time out chiamato da Sacripanti per ragionare sulle fasi del match. Ragland si lancia in penetrazione centrale e con l’aiuto di Fesenko appoggia al tabellone per due punti. Dopo una prolungata rotazione di palle Randolph serve al centro Fesenko che appoggia ai ferri per due punti. Dall’altra parte Pascolo continua a macinare canestri da due punti. Leunen serve sulla sinistra Ragland che visto uno spiraglio prova e realizza la sua terza bomba del match. Time out chiamato da Milano. Avellino avanti di dieci ad un minuto dal termine. Severini cambia Leunen nelle fasi finali del tempo. Cinciarini subisce fallo sul tentativo di tiro e va in lunetta per due tiri liberi. Realizza un solo punto dalla linea della carità. Ragland chiude il quarto con una penetrazione che porta altri due punti. Il tempo termina con il risultato di 47 a 36 per la Scandone.
Il terzo quarto inizia con Sacripanti che schiera al centro Joe Ragland. Primi due punti per l’Armani con Macvan. Dall’altra parte la Scandone risponde con una bomba di Ragland. Milano subito ne approfitta di una distrazione difensiva con Simon che realizza due punti. Ragland serve un liberissimo Obasohan che trova la sua seconda tripla dell’incontro. Macvan subisce fallo su tentativo di tiro e va in lunetta per due liberi. Realizza un solo canestro. Thomas serve nuovamente Obasohan che lasciato libero realizza un’altra bomba. Dall’altra parte Simon risponde con un tiro pesante da oltre l’area. Leunen serve da sotto Fesenko che conquistato il pallone appoggia subito al tabellone per due punti. Avellino avanti +14 a sei minuti dalla fine del tempo. Fasi del gioco caratterizzati da tanti errori in fase realizzativa da ambo le parti. Time out chiamato da coach Repesa. Obasohan in serata di grazia ruba un pallone in difesa e sul contro piede viene fermato fallosamente sul tentativo di tiro. Dalla lunetta realizza un solo libero. Randolph cambia un poco incisivo Thomas. Raduljca vince la sfida con Fesenko e spalle a canestro realizza due punti. Retin Obasohan dopo un doppio palleggio realizza due punti. Altri due punti del belga su azione di contro piede. Milano tiene il passo con due punti realizzati da Dragic. Abass per Milano si segna a referto con i suoi primi due punti. Il tempo termina con il punteggio di 63 a 51 per la Scandone.
Il quarto quarto inizia con Sacripanti che schiera Green nel ruolo di play. Kalnietis si lancia in penetrazione e viene fermato fallosamente dalla difesa irpina. Dalla lunetta realizza entrambi i liberi. Ennesima palla persa per la Sidigas in fase offensiva. Thomas cambia Randolph sulle fasce per la Scandone. Ancora tanti errori in fase realizzativa per la Scandone che non riesce a trovare la via del canestro. Per Milano ci pensa Sanders a sbloccarsi con una bomba da tre punti. Zerini servito centralmente appoggia a canestro ma viene fermato fallosamente. Time out chiamato dall’Armani Milano. Sulla rimessa errore in penetrazione di Ragland che sbaglia un buon canestro. Macvan dal centro dell’area realizza due punti alzando la parabola. Primo canestro per i lupi irpini realizzato dal centro dell’area da Thomas. Il folletto Green servito al bacio da Ragland realizza la sua prima bomba dell’incontro subendo fallo. Dalla lunetta realizza anche l’aggiuntivo. Punteggio di 69 a 60 per i padroni di casa a cinque minuti dal termine. Penetrazione dalla sinistra di Ragland che appoggia alle plance per due punti subendo anche fallo. Dalla lunetta sbaglia il tiro libero aggiuntivo. Mclean si lancia in penetrazione centrale e alzando la parabola realizza due punti subendo anche fallo. Fortunatamente sbagli il tiro libero. Kalnietis sfrutta i centimetri rispetto a Ragland e realizza una bomba dal centro del campo. Ottima rotazione di palla per la Scandone che trova libero sulla sinistra Leunen che subito realizza la sua prima bomba della partita. Avellino avanti di nove ad un minuto e cinquanta dal termine. Simon si lancia in penetrazione centrale e viene fermato fallosamente. Dalla lunetta realizza un solo libero. Dall’altra parte Fesenko servito centralmente alza la parabola e realizza due punti. Ancora l’ucraino servito da Green tenta di girarsi ma viene fermato fallosamente. Dalla lunetta realizza entrambi i liberi. Mclean tiene in partita Milano con due punti realizzati dal centro dell’area. Adonis Thomas servito da Ragland si lancia in penetrazione dalla destra ma viene fermato fallosamente. Dalla lunetta realizza entrambi i liberi. Avellino vince la partita della storia con il punteggio di 80 a 68.