Emergenza Terra Dei Fuochi, Pedicini: Subito una task force Governo-Regione Campania

1316

Napoli – “L’emergenza Terra dei fuochi è uno dei temi che ho seguito di più da quando sono stato eletto. Lo continuerò a fare con tutte le mie forze perché le mamme e gli abitanti di quei territori hanno bisogno di noi.

Fa rabbia vedere che il governo nazionale e la Regione Campania continuino a non capire che questa emergenza non può essere trattata come un’urgenza qualunque”.

Nuovo e accorato intervento dell’eurodeputato campano del M5S Piernicola Pedicini sul dramma Terra dei fuochi.
“Ogni giorno continuano a morire ammalati di tumori, ogni giorno muoiono bambini e aumenta la disperazione di altre mamme rimaste sole. Chi ha responsabilità di governo- afferma Pedicini – esca dall’impasse e dia risposte immediate. Ogni giorno di ritardo nell’affrontare il disastro in corso può essere prezioso per salvare delle vite. In questi giorni – aggiunge – ho preparato un’altra interrogazione per chiedere l’intervento della Commissione europea e ho presentato un’altra richiesta per chiedere che il Parlamento europeo organizzi al più presto una missione ispettiva nei comuni campani colpiti. Tutti gli eurodeputati del M5S Europa hanno firmato l’interrogazione e sono impegnati insieme a me a fare tutto quello che è possibile per spingere l’Ue ad occuparsi dell’emergenza. Purtroppo, però, noi siamo all’opposizione e di più non possiamo fare.
Il M5S – spiega l’eurodeputato pentastellato – si è attivato in tutte le sedi istituzionali per denunciare i ritardi e le sottovalutazioni del governo nazionale e della Regione Campania. Se ne stanno occupando i parlamentari nazionali e i consiglieri regionali campani, stiamo agendo con tutti i mezzi possibili e non ci fermeremo.
Non vogliamo fare polemiche o lanciare accuse. Vogliamo ottenere risultati concreti.
Il governatore De Luca chieda un incontro urgente al premier Gentiloni e pretenda che si attivi una task force ad hoc che si occupi solo dell’emergenza Terra dei fuochi.
Si mettano da parte le ragioni di appartenenza politica e se De Luca e Gentiloni non vogliono ascoltare noi del M5S, ascoltino l’appello lanciato dal presidente dell’Iss (Istituto superiore di sanità) Walter Ricciardi che invoca la necessità di ‘recuperare il tempo perduto’. Al presidente Ricciardi diciamo che anche lui deve fare di più e deve uscire dal discorso che bisogna fare altri studi e altre analisi epidemiologiche. I dati già disponibili sono raccapriccianti. Il progetto ‘Sentieri’ (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) del 2016, fatto fare proprio dall’Iss, ha già descritto bene qual è la drammatica situazione. L’eccesso di tumori tra bambini e adulti e la loro causa sono ormai chiari.
Gli 8 bambini che sono morti negli ultimi 20 giorni sono una realtà e non un’invenzione delle mamme del Comitato ‘Vittime della Terra dei fuochi’ che lunedì scorso 6 febbraio hanno manifestato davanti la Prefettura di Napoli.
Così come hanno già scritto il deputato Roberto Fico e il consigliere regionale Vincenzo Viglione del M5S campano- sottolinea l’esponente del M5S Europa – il governo e la Regione dovrebbero attivare subito interventi strutturali per bloccare chi appicca i roghi tossici, eliminare le ecoballe, bloccare la camorra nella gestione dei rifiuti, fare una massiccia campagna di sensibilizzazione e di prevenzione in ambito sanitario sottoponendo i cittadini a esami preventivi, avviare il registro tumori e gli screening, realizzare le bonifiche del territorio.Non sono interventi complicati, ci vuole solo una forte volontà politica e un’intesa tra le autorità istituzionali responsabili dei processi decisionali e operativi.
Per quanto riguarda il mio impegnocome eurodeputato- conclude Pedicini -, ribadisco che, dopo aver presentato quattro interrogazioni, aver fatto vari interventi in Commissione ambiente e sanità e in seduta plenaria, aver organizzato un convegno internazionale a Bruxelles con le mamme della Terra dei fuochi, con don Maurizio Patriciello, con esperti e rappresentanti di vari comitati campani, aver effettuato incontri e sopralluoghi nel Napoletano e nel Casertano, non mi fermerò e, con tutto il M5S, continuerò a fare il massimo per ottenere risultati concreti e immediati”.