Bonito, Melito Irpino (AV) – Emilio Mauro Merola : “Cacciatori a bordo strada, inconcepibile, pericolo per la pubblica sicurezza”

1597

Bonito, Melito Irpino – Il rispetto della legge è garantito solo dal buonsenso della gente e dal controllo esercitato dalle forze dell’ordine. Purtroppo, a quanto pare, né l’una né l’altra cosa abitano a Bonito e a Melito; ci resta la sensazione che i cacciatori siano gli assoluti padroni del territorio, come se tutto gli fosse concesso. Negli ultimi tempi si assiste, sempre più spesso, ad episodi francamente inconcepibili.

Numerose segnalazioni ci sono giunte e parlavano di alcuni cacciatori appostati lungo il bordo delle strade e purtroppo anche verificate. Nessun tipo di caccia può essere praticata a bordo delle strade, con fucili in mano.
Ricordiamo che esistono regole ben precise per la caccia, ancor più rigide quando si parla di caccia al cinghiale dove si utilizzano fucili e munizioni speciali, con ragguardevole gittata e che per questo le distanze da case, luoghi abitati e strade devono essere ancora maggiori quando il buonsenso alberga.
Naturalmente è fatto divieto anche di cacciare nelle altrui proprietà in attualità di coltivazioni, siamo agli sgoccioli con la  raccolta delle olive e la vendemmia da poco conclusa, ma anche questo è disatteso.
“ Giovedì  pomeriggio, transitando nel territorio tra Bonito e Melito Irpino, ho visto un cacciatore a bordo strada, munito di fucile, un fatto gravissimo e inconcepibile, pericoloso per la pubblica sicurezza, quindi  noi chiediamo – dichiara Emilio Mauro Merola, responsabile LIDA e LAC –  nel rispetto della conformazione del nostro territorio, che la caccia al cinghiale venga sospesa subito, ma nel frattempo, se ciò non avvenisse, almeno che le forze dell’ordine aumentino la vigilanza. I controlli servono a garantire la legalità e soprattutto la sicurezza dei cittadini visti i numerosi incidenti, anche mortali, durante il periodo di caccia”.