San Giorgio del Sannio – Annulla il biglietto manualmente ma il controllore gli eleva la multa

181

Dopo tre giorni la stessa procedura diventa valida

Raffaele Serino invia pec all’azienda di trasporti Air per chiedere lumi

Lunedì scorso, 11 Gennaio, si è verificato un accadimento “discutibile” ad un cittadino sangiorgese, Raffaele Serino. Questi si è visto elevare una multa durante la tratta che va da San Giorgio del Sannio a Benevento su di un pullman Air. Il malcapitato utente dell’azienda di trasporti, pur avendo annullato il biglietto, come accade, ormai, in questo frangente Covid, manualmente, strappandolo e datandolo, all’arrivo del controllore si è visto elevare un verbale.

Pare che, in seguito al Covid, durante le tratte non si possa vidimare il biglietto. Ciò perché la macchinetta obliteratrice, alloggiata nel vano retrostante al sedile dell’autista, delimitata da una catenella, non può essere raggiunta dagli utenti. Il divieto imposto dalla delimitazione della macchina è chiaro. Pertanto, la procedura che viene adottata in questo frangente è quella che il passeggero annulla il biglietto strappandolo e apponendovi la data del giorno in cui si usufruisce del servizio.

Esattamente come aveva provveduto a fare Raffaele Serino che dovrà pagare, oltre al costo del biglietto già versato, l’importo del verbale di 55 euro ma, se pagherà entro i 5 giorni successivi, potrà usufruire della riduzione dell’importo. Lo sfortunato cittadino sangiorgese ha inviato una Pec all’azienda in cui spiega l’accaduto. Ma, non finisce qui. Dopo tre giorni ha nuovamente usato il mezzo pubblico e l’autista di turno gli ha ribadito che la procedura da usare è la medesima a causa della quale ha avuto il verbale.

La stessa procedura è valida a giorni alterni, a quanto pare. Raffaele Serino ha commentato: “Non riesco a capire come a distanza di soli tre giorni la procedura ritorna ad essere valida. A tal proposito ho integrato con una nuova pec anche l’accaduto di oggi. Sia ben chiaro la mia intenzione non è tesa a far polemica ma solo a far chiarezza sulla corretta procedura da adottare in questo caso. In modo da salvaguardare l’utenza che usufruisce del servizio”.