Benevento – Landin IA, la quinta IA dell’Itis Lucarelli conquista il premio di migliore impresa Achievement

326
Landin IA, la quinta IA dell’Itis Lucarelli conquista il premio di migliore impresa Achievement

Coinvolti 15mila studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia nel programma di imprenditorialità Impresa in azione di Junior Achievement Italia, accreditato al Ministero dell’Istruzione.

 STEAM and…GO! è il tema di questa innovativa edizione di BIZ Factory che ha sottolineato l’importanza dell’integrazione dei pilastri fondamentali delle competenze di oggi e domani – scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica – per un futuro all’insegna della sostenibilità.

 Sono intervenuti Roberto Cingolani, Ministro della Transizione ecologica,
Roberta Cocco, Assessora alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano e Lucia Abbinante, Direttrice generale Agenzia Nazionale Giovani.

Per rivedere l’evento www.jabizfactory.org

LandIn JA della classe 5IA dell’ITIS G.B.B. Lucarelli di Benevento vince l’edizione 2021 di BIZ Factory, la finale nazionale di Impresa in azione, il programma di imprenditorialità e sviluppo competenze trasversali di Junior Achievement Italia rivolto da diciotto anni alle scuole secondarie di secondo grado. Dopo questa vittoria gli studenti e le studentesse “voleranno virtualmente” in Lithuania per partecipare alla finale europea, ospitata nell’ambito del più grande Festival dedicato all’imprenditorialità organizzato da Junior Achievement Europe: Gen-E, in programma dal 29 giugno al 15 luglio.

BIZ Factory, evento incluso nel palinsesto di STEMintheCity, con il patrocinio del Comune di Milano, della Commissione Europea, di AICA e di ANG, è stato inaugurato dal Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, che in diretta ha incoraggiato i ragazzi e le ragazze dichiarando:

“Se la sfida delle sfide ormai è quella di proteggere l’ecosistema, con un’urgenza elevatissima, l’unica soluzione è aumentare il numero di giovani impegnati nelle materie STEM che possano occuparsi di tutti questi problemi che impattano sull’ambiente e sono fra loro legati. Andiamo infatti verso uno sviluppo tecnologico ancor più complesso rispetto al passato, per cui non esisteranno più soluzioni verticali, ma soluzioni che risolvono contemporaneamente più problemi e pertanto anche la preparazione dei giovani nell’ambito delle discipline STEM dovrà essere molto più interdisciplinare. Il futuro è dei nostri giovani, come i ragazzi e le ragazze che hanno preso parte al programma per cui siamo qui oggi”.

In quest’anno difficile per il mondo della scuola, caratterizzato dalla didattica a distanza, studentesse e studenti non si sono arresi, partecipando con ancor più determinazione, creatività e interesse al programma didattico Impresa in azione, che ha raggiunto in quest’anno scolastico 204 scuole in 75 province, coinvolgendo circa 15.000 giovani delle scuole secondarie di secondo grado che hanno lavorato per realizzare un vero progetto imprenditoriale supportati da oltre 500 docenti. Una volta stabiliti i ruoli (ogni team ha, infatti, CEO, direttore finanziario, responsabile marketing etc.), gli alunni e le alunne hanno sviluppato un prodotto o servizio, con tutti gli aspetti di una vera e propria impresa: dalla sostenibilità economica, al piano di marketing, fino ai materiali di comunicazione. Insegnanti e Dream Coach – manager d’azienda volontari – hanno potuto guidare i ragazzi nello sviluppo del loro progetto anche a distanza, grazie alla forte expertise maturata negli anni da Junior Achievement nell’ambito della didattica digitale, nella quale riesce a mantenere una forte componente esperienziale e di coinvolgimento diretto anche con la mediazione della tecnologia.

Ieri alla finale BIZ Factory, hanno potuto presentare i propri progetti alla Giuria presieduta da Stefano Mainetti, Executive Advisor PoliHub – Innovation District & Startup.

“BIZ Factory è una opportunità straordinaria per preparare le ragazze e i ragazzi ad affrontare le complessità del presente e ad acquisire competenze utili per il mercato del lavoro ha dichiarato Lucia Abbinante, Direttrice generale dell’Agenzia Nazionale per i GiovaniQuesta esperienza consente di costruire un’importante connessione tra formazione scolastica e soft skills, promuovendo il talento dei giovani anche in ottica imprenditoriale”.

In continuità con l’edizione dello scorso anno, BIZ Factory ha mantenuto la propria focalizzazione sul tema delle STEAM, acronimo che comprende oltre a Scienza, Tecnologia e Matematica anche la A di Arte, e sulla sostenibilità. Il digitale è ormai non solo parte della nostra quotidianità, ma anche motore di sviluppo e fattore differenziante per le imprese nel periodo post-pandemia. Accanto alla competenza digitale, fra le skill più richieste alle persone che si affacciano al mondo del lavoro, vi è però la propensione alla sostenibilità. Oggi non è più possibile ignorare i cambiamenti climatici e le nostre responsabilità nei confronti dell’ambiente ecco perché a tutti i lavoratori, in tutti i settori, viene e verrà richiesto un cambio di paradigma.

“Le materie STEM – ha ribadito Roberta Cocco, Assessora alla Trasformazione digitale e ai Servizi civici del Comune di Milano – e in particolare il digitale sono ormai fondamentali per qualunque professione e i progetti presentati oggi ne sono la dimostrazione: grazie alle tecnologie digitali gli studenti hanno ideato soluzioni e servizi che sono in grado di portare innovazione in settori tradizionali, migliorare l’accessibilità o la sostenibilità, promuovere i territori, favorire l’inclusione. Auguro a tutte le ragazze e i ragazzi di portare avanti i loro progetti e credo che sia nostro compito come adulti e come società metterli nelle condizioni di poterlo fare per trarne tutti beneficio”.

PREMIO MIGLIORE IMPRESA JUNIOR ACHIEVEMENT ITALIA 2021

È fondamentale, fin da subito, sviluppare la cultura imprenditoriale nei giovani. Per essere un imprenditore occorrono delle attitudini naturali, ma queste vanno coltivate e amplificate con delle conoscenze che la scuola può insegnare”, dichiara Stefano Mainetti, Executive Advisor di PoliHub, l’Innovation Park & Startup Accelerator del Politecnico di Milano. “Una delle lezioni più formative per gli imprenditori proviene dai fallimenti: iniziare in giovane età e in un ambiente protetto è senza dubbio un importante viatico per sviluppare consapevolezza e capacità di apprendimento dagli errori. Mettersi in gioco, collaborare in team e competere con altri in un’iniziativa come BIZ Factory è, a mio parere, una grande opportunità. Un’occasione ancor più importante in un periodo storico come questo, in cui la crisi apre nuovi scenari e spazi di mercato. Per i giovani è il momento migliore per cimentarsi con la propria creatività e sensibilità imprenditoriale”.

Dopo un’attenta valutazione la giuria ha decretato tra le 23 mini-imprese partecipanti LandIn JA della classe 5IA dell’ITIS G.B.B. Lucarelli di Benevento il progetto vincitore di questa edizione di BIZ Factory.

LandIn JA, è una piattaforma che connette braccianti agricoli e proprietari terrieri, tutelando i lavoratori, riducendo l’inquinamento e valorizzando il prodotto locale, favorendo così la biodiversità, ponendosi come obiettivo strategico l’incontro della domanda e dell’offerta. LandIn JA si presenta come una grande opportunità per ritornare a una coltivazione più in linea con la natura, favorendo e utilizzando il potenziale che offre il proprio territorio e coinvolgendo chi ci vive. Inoltre, presenta una sezione e-commerce per la vendita dei prodotti ricavati da questi terreni, agevolando la distribuzione e il consumo di cibi sani.

La Giuria ha premiato questa mini-impresa come iniziativa ambiziosa e capace di interpretare un bisogno attuale, un esempio di impresa moderna, potenzialmente in grado di generare un rilevante impatto sociale.

Il team che ha conquistato il titolo 2021, contando sul supporto e sull’expertise di JA Italia, dei propri docenti e di altri studenti e studentesse, affronterà un percorso di accelerazione che prevede sia un piano di sviluppo guidato dagli esperti di open innovation di Tree, volto a dare più valore alla mini-impresa e raffinarne i vari aspetti progettuali, sia momenti di confronto e miglioramento con il team di JA Italia e con alcuni docenti, che hanno accompagnato i ragazzi e le ragazze nell’acquisizione delle competenze imprenditoriali durante il corso dell’anno scolastico.

Di seguito gli ulteriori premi consegnati:

CATEGORIE SPECIALI

  • Eliana Baruffi, Regional Communications Lead, Southern Eastern Europe, Electrification di ABB ha consegnato il Premio Impresa 4.0 alla Classe 5IC dell’ITTS Fedi-Fermi di Pistoia che, con il progetto Tuney, ha saputo coniugare la passione per il mondo della musica e per le tecnologie digitali, creando un originale punto di incontro tra diversi interessi e promuovendo attività di aggregazione, ascolto, e-commerce ed edutainment.
  • Daniel Frigo, Country Manager di The Walt Disney Company Italia, ha introdotto il Creativity Award consegnato a EcoVentisei della classe 4D del Liceo Artistico Scuola del libro di Urbino che si è aggiudicato il premio grazie a un prodotto dal design accattivante e innovativo, in un mercato ancora inesplorato in Italia e un potenziale di sviluppo molto interessante. Il prodotto realizzato è una Doggy-bag, ovvero un contenitore per trasportare gli avanzi di cibo e bevande a casa.
  • Diego Ascari, Head of Audit Southern Europe Citi, ha consegnato il Citi Foundation Client Focus Award a Eco-Ozon JA delle classi 5B e 5D dell’ITIS Michelangelo Bartolo di Pachino (Siracusa), per la capacità di rispondere in modo innovativo a un bisogno fortemente attuale per tutti.
  • Emanuele Bellingeri, Managing Director, Head of Asset Management Italy, Credit Suisse e Andrea Zitti, Manager di Kon, hanno consegnato il Junior Sustainability Award di Credit Suisse e Kon a Fabulinus, della classe 3B informatica dell’Istituto Leonardo da Vinci di Viterbo, per aver pensato e realizzato un progetto basato sull’inclusione sociale e per una fascia specifica di utenti. Fabulinus nasce, infatti, dall’idea di creare un dispositivo utile e funzionale per coloro che hanno problemi di comunicazione.
  • Anna Gionfriddo, Manpower Brand Lead & Operations Director di ManpowerGroup Italia ha consegnato il Ready for work Award di ManpowerGroup a EnviCon System.JA, della 3FEN dell’Istituto Cipriano Facchinetti di Castellanza (VA), che si è contraddistinto per il lavoro di squadra, la creatività, la flessibilità, l’orientamento ai risultati e la capacità di problem solving, competenze oggi tra le più richieste nel mondo del lavoro, sottolineando come non è solo l’idea imprenditoriale a fare la differenza, ma l’insieme delle soft skills di tutti i componenti del gruppo.
  • Miriam Cresta, CEO di JA Italia, ha consegnato il People’s Choice Award – JA Italia a Traditions on the Road JA, la mini-impresa della classe 5 AR dell’I.T.E.T. Padre A.M. Tannoia di Corato, nata dall’idea di diffondere le tradizioni pugliesi “on the road” con l’aiuto di due Ape Car elettriche così da salvaguardare il territorio.