Turismo, promozione delterritorio, impegno dellePro Loco e dell’UNPLI Campania

82

Turismo, promozione delterritorio, impegno dellePro Loco e dell’UNPLI Campania. Incontro con l’Assessore Regionale al Turismo Negli ufficidella Regione Campania, aseguito dirichiesta, c’è stato un incontro con l’Assessore Regionale al Turismo, Prof. Felice Casucci.Hanno partecipato, oltre alPresidente RegionaleTony Lucido, la Giunta Esecutiva dell’UNPLICampania, i Presidenti Provinciali: Giuseppe Silvestri, Renzo Mazzeo, Maria Fiore, Luigi Barbati, Marcello Nardiello, il Consigliere Nazionale MarioDe Julis, la Segretaria Regionale Ramona DelPriore, Domenico Pisano Consulente.In primo luogo l’Assessore Casucci, ha voluto rappresentare aipartecipanti il suo apprezzamento peril contributo dato dalle Pro Loco edall’UNPLI, nella promozione turistica, culturale e sociale della Regione Campania. Il Prof. Casucci, si è anchecomplimentato per le proposte dell’UNPLI Campania formulateper iscritto rispetto al Piano Turismo 2021 della Regione, ritenendo alcune di queste molto qualificanti e praticabili, solo qualcuna, pur meritando l’apprezzamento per le vigenti disposizioni legislative, manifesta qualche difficoltà attuativa, applicativaAll’Assessore èstato rappresentatoil disagio, il disappunto, delle Pro Loco Campaneper il ritardo nell’erogazione dei contributi, in alcuni casiaddirittura da circa 5 anni.Èstato anche riferita l’incomprensioneper l’atteggiamentoche,per certi versi potrebbe sembrare vessatorio,rispetto alle Pro Loco,messo in campo da qualche tempo, con continue e ripetute richieste di documentigià varie volte presentati, con toni a dir poco non rispettosi del grande e generoso impegno delle Pro Loco Campane. Si è fatto rilevare, oltre all’apprezzamento per aver accolto le richieste di rinvio dei termini delle scadenze previste dallaL.R. 18/14, si è anche evidenziatoperò l’incredibile clausola del Regolamento, inmerito all’oscillazione tra preventivo e consuntivo, che se superiore al 9%, potrebbe causare, per tantissime ProLoco, laperdita del contributo. Ma ancora di più l’improponibilitàdel metodo inserito neiregolamenti, rispetto all’attività dellePro Loco, chenon sono “società finanziarieo d’investimento”, nonproducono o commerciano prodotti, ma promuovono valori, suggestioni, cultura, identità, appartenenza tradizioni, turismo, ecc.ecc. Quindi l’invito all’Assessore, alla politica,a recuperare protagonismoe avviare procedure per una rapida revisione del Regolamento stesso. È statofatto rilevare anche l’errato comportamento, quello nelvoler applicare norme, disposizioni regolamentari di recente emendateed approvate, con valenza retroattiva.Insomma,tanti gli argomenti trattati, tutti nell’interesse delle Pro Loco. Èstati da tutti gli intervenuti apprezzato l’atteggiamento dell’Assessore, che si è posto con comprensione, senon con condivisione, all’ascolto delle problematiche delmomento, delle Pro Loco, per alcune di queste egli avvierà da subito azioni di verifica e di cambiamento, peraltre ha chiesto, a breve termine, un promemoria perdiretti interventi. Ci si è riservati di rincontrarsi abreve per aggiornamenti sulletematiche poste.LUNPLI Campania, con forza e determinazione, ha continuato l’azione iniziata con un nuovo corso avviato con lelezione dei nuovi organi regionali, di pretesa di rispetto per le Pro Loco, per quanti ogni giorno dedicano impegno, attenzione, sacrifici, fantasia e denaro peri propri territori, città, paesi e borghi!Il Presidente Regionale ed i partecipanti tutti hanno espresso il vivo compiacimento per quanto ogni Pro Loco, nonostante le difficoltà sta facendo per la promozione dei luoghi, del territorio e dei borghi, delle tradizioni e della cultura per il turismo di prossimità!