FIDAPA: Concoso di poesie in Vernacolo dedicato ad Anna Paduano “La regina del sorriso”

81

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La FIDAPA la sezione di Ariano Irpino con la presidente Sara Sebastiano presso il cinema Oasi di piazza Plebliscito mercoledì 10 agosto ha organizzato la manifestazione della prima edizione del Concorso letterario di Poesia in Vernacolo dedicato ad Anna Paduano “la regina del sorriso “. Tantissime le poesie pervenuti alla manifestazione. Quanto  i poeti che hanno partecipato e hanno ricevuto la Menzione d’Onore.

 

È stato fatto un lavoro minuzioso dalla  giuria composta dal:

Presidente :Luiggi Pietrolà  -scrittore ed esperto conoscitore opere in vernacolo

Giovanna Grazziano- docente di letteratura in pensione

Pina Capelluzzo- docente di letteratura e scrittrice in pensione

Paolo Bonnanzio –docente di lettere in pensione

Marika Luparella- docente di lettere

Il  presidente della giuria  Luiggi Pietrolà ha decretato i seguenti vincitori :

-Primo classificato: Mirian Olivieri “Suonn’annascus”

-Secondo classificato: Castagnozzi Mariarosaria”Dolce eia lu viento”

-Terzo classificato: Milena Di Rubbo “Sulitaria”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito pubblichiamo i testi delle poesie ai primi tre posti:

 

SUONN’ ANNASCUS

Suonn’ annascus

t’aspettava ‘ ‘a tantu temp,

ma oamai nun ce crerev,

me penzavo ca st suonn

Quanti vota gg è sperat

ca pe mmè stev’ astipat

na perzona ca cull’ uocchie

me lassasse senza fiat…

O’ dentin c’ha pruvat

Ma ‘o mument era sbagliat…

Tutta chesa fantasia

Nun sarrà mai robba mia!

Nonostant sta certezza

jo m’a piglio sta carezza

me l’astip rint’o’ cor

Annascus’a tutt quant

ma niscuin adda sapè

che si stat tu pe mme’!

 

DOLCE EIA LU VIENTO

Lu viento ca m’accarezza cu dulcezz la faccia.

M’allong a l’ombra d li ricordi

Com a gocc d rugiada s’appizzican a lu cor

Sai vicin a me

Ved quer ca mi scrivi ,l’arcobaleno.

Mill culur rind a l’oucchi

Culur viv, chin di gioa ,di speranza

A man a man ca la vita s n va ruman

Lu color ca m’ arricuord

 

SULITARIA

Addò staje nun te vecco cchiù

Addo staje nun te pozzo sfiurà

Chest’anems è sans

Nun te ‘nfetta

Tengo ‘o ffuoco dint’ o  stommeco

Famme’a grazia d’ ‘ostutà

 

Mme diceno ‘e testa luntano

mme diceno ca staje ‘mpestato

nun tengo mmericine pe chesta malatia

‘sta luntananza me ‘nzerra ll’uocchie

ma io te voglio guardà

mename ‘na funa

accussi ‘ aluntanza s’ avvicina

‘ocielo è nniro

te cerco dint’ all’ arbero

e parlo ‘e te cu’ o viento

forza staje sotto all’ acqua

forza staje sott’ ‘a terra

nisciuno me risponne

L l’ uderna vota t’ aggio fatto ‘ na fotografia

Fuje doce comme a ssempre

 

Tu ‘ nzieme a mme te faje comme a bbrillante

‘ o vveco ‘ncopp’ ‘a pelle , cchiù lucente

E pure ‘e rrappe addeventano belle

 

Vieneme appriesso ,pure qundo chiove

Fatte vedè ,pure pe ‘nu mumento

Manname sulamente ‘na ‘ mmasciata

Addò me dice suoffre pure tu

T’aspetto abbrascio o puorto ,a ogne stazione

 

‘o cielo è nniro

te cerco dint’ all’ arbere

e parlo ‘e te cu ‘o viento

forza staje sotto all’acqua

forza staje sott’ ‘a terra

niscuino me risponne

Troppi juorne oramaje so’ ggià passate

Io sto cca ca t’ aspetto annanz ‘ ‘a porta

T’ appriparo ‘o ccafè ,ma  nun te piace

Ma po’ faje ‘nu surriso..a mme ce tiene

E nun ‘o ddaje a parè , ma me vuò bbene

‘e’na manera toja co nunn ‘è ‘ a mia

So’ streveza,comm’ a tte

Simmo dduje ‘nzuppurtabble,io e te

Sì nnata pe sta cu mmico,’a matatia

E nun t’aggio cchiù visto

 

o callannario èascuto pazzo

‘osole nun luce cchiù

‘ociclamino nin s’è vulato schudere

E temma ‘o silenzio , è troppo ‘o friddo

‘o ciolo è nniro

te cerco dint’ all’ arbere

e parlo ‘e te cu ‘o viento

forze staje sotto all’ acquaa

fprze staje sott’ ‘ a terra

nisciuno me risponne

Sulitaria m’ addormo ogne nnptte

Rutto ‘osuonno ‘ncantatp ‘e tutt’ ‘e dduje

E tiene mente comm’ è scura ll’ aria

N’ ammàscia vedè atte correre ‘nzieme a n’ ata

ma quant’ è longa ‘a nuttata

ammacaro ‘oricordo nun s’ assetta cca

Staje luntano, ma sbatte ‘ o core mio

comme stisse vicino.

 

‘O viento , ‘o ssaje, m’ha rispunnuto

Pure ll’arbere ,e blu s’è fatto ‘ocielo

Turnarraje comm’aucielle a pprimavera

E vularraje dint’ ‘a’stu pietto mio

Tanto ‘a museca è ‘a stessa c’ abballammo

No pe ccrianza ,pecchè …è sulo sustanza