Benevento: Marianna Fabozzi ha finito di scontare la sua pena

662

Benevento  – Da oggi Marianna Fabozzi è una donna libera. Era il 2014 quando il corpicino della piccola Fortuna Loffredo venne rinvenuto al Parco Verde di Caivano. Le indagini stabilirono che a scaraventare la bambina, dall’ottavo piano del palazzo dove abitava, fu Raimondo Caputo, un vicino di casa che da tempo ne abusava. Per quel delitto l’uomo è stato condannato all’ergastolo, mentre la compagna Marianna Fabozzi a 10 anni. I due cercarono, inizialmente, di accreditare la tesi dell’incidente, ma le indagini fecero emergere una realtà diversa ed inimmaginabile con la piccola Fortuna che era stata oggetto di ripetute violenze sessuali commesse da Caputo. Oggi le porte del carcere di Benevento, dov’era reclusa da diversi anni, si sono aperte per la Fabozzi. Il suo fine pena è arrivato in una giornata invernale, ma soleggiata. Il “debito” con la giustizia terrena è stato saldato, per quella divina, ovviamente per chi ci crede,  il percorso è ancora lungo e non è detto che arrivi.

Foto da “Chi l’ha visto”