A Sturno, domenica 3 febbraio ore 18.00 presso l’Auditorium Comunale, continua la rassegna “Un teatro per tutti”. La compagnia Teatro 99 Posti con Maurizio Picariello e Paolo Capozzo presentano “Storie di terra di suoni e di rumori” di Paolo Capozzo, la regia è di Gianni di Nardo.

E’ la storia di còmpa Mostino e còmpa Prisco che tornano alla luce dopo secoli passati in balia di vermi e ratti, spuntando come piante dalla terra dove erano stati sotterrati. La terra che li aveva inghiottiti, seppellendoli sotto centinaia di anni di storia, sotto tonnellate di detriti della memoria, li partorisce di nuovo. Proprio così, rinascono! Si affacciano di nuovo alle speranze di una vita migliore. Hanno un’altra occasione di riscatto da un’esistenza di stenti e di soprusi.

Riavvolto il nastro della propria (e della nostra) memoria, i nostri due Compari intraprendono un viaggio che ripercorre tutto il 20esimo secolo, nella speranza di un destino diverso da quello che il “fato” gli ha imposto. Improbabili soldati di guerre volute da altri, complici e vittime di catastrofi e disastri ambientali, i nostri due “candidi” eroi affrontano con disarmante ingenuità tragedie devastanti. Dalla grande guerra (1915) alla liberazione (1945), alle lotte sociali sedate nel sangue (1950), al terremoto (1980), alla crisi dei rifiuti (2003). Ogni volta Mostino e Prisco accettano, rassegnati, l’ennesima sconfitta (“nui simmo sfurtunati”), con l’ingannevole illusione che gli basterà “morire e rinascere” per avere un destino diverso.