Giuseppe Palumbo, UglM: “Grazie ai nuovi modelli per i lavoratori di Melfi finirà il periodo d’incertezza”

310
le nuove Jeep e le Fiat 500 X nei piazzali dello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat-Fca, 19 gennaio 2015. ANSA/TONY VECE

In una nota, il segretario provinciale dell’UglM di Potenza, Giuseppe Palumbo unitamente alla segretaria della federazione metalmeccanica lucana, Florence Costanzo ha dichiarato:

“La fermata e conseguentemente il non lavoro per gli addetti del sito automobilistico lucano, vedrà come copertura l’applicazione del contratto di solidarietà, integrazione salariale per tutti i dipendenti che incroceranno le braccia presumibilmente per tutto il restante del 2019.

Oggi vedremo nascere ed uscire dalle nostre linee il nuovo gioiello automobilistico che per il futuro del sito di Melfi, compreso il comparto dell’indotto collegato, sarà fiducia di rilancio del Lingotto. Il rilancio punterà su un’altra auto di gamma superiore, la Jeep Compass, campione di vendite del gruppo Fca grazie al lavoro intenso e qualificato degli operai Lucani.

Grazie alla produzione dei nuovi modelli, per i lavoratori dello stabilimento di Melfi finirà il periodo d’incertezza. Si aprirà una nuova stagione nella consapevolezza di essere di fronte ad un mercato invaso dai modelli giapponesi e che ha devastato le nostre quote di mercato

Quel che distingue il distretto dell’automotive melfitano dai concorrenti è proprio la capacità di mettere in circolo le conoscenze per migliorare la qualità dei prodotti e rimanere competitivi.

Siamo ottimisti: con l’arrivo della Jeep Compass la produzione incrementerà con gli altri modelli già prodotti a Melfi di cui, la Jeep Renegade e la 500x. Il nostro auspicio è che quando prima si possa evitare e azzerare la CDS con il rientro di tutti i lavoratori”.