Montemiletto – Il vicesindaco interviene sul tema Ambiente e Sostenibilità

673
Montemiletto

Capobianco: “Ci Avviamo nel novero dei Comuni virtuosi”

Antonio Capobianco, vicesindaco

Nuovo intervento del vicesindaco, Antonio Capobianco che, questa volta, affronta una delle tematiche più delicate del momento legate all’Ambiente e alla Sostenibilità evidenziando che in breve tempo la raccolta differenziata ha subito un’impennata in termini di percentuale, grazie anche alla collaborazione fattiva della comunità.

“Il sistema ambientale del comune di Montemiletto solo 22 mesi fa presentava forti criticità senza un minimo di programmazione, soprattutto sul versante della depurazione, della gestione dei rifiuti e della raccolta differenziata, criticità che, dopo mesi di lavoro, ad oggi hanno trovato risposta.

La raccolta differenziata oggi fa registrare dati più che incoraggianti, passando dal 45% nel 2019 al 57% nel 2020, risultato che è stato possibile grazie ad una collaborazione fattiva con Irpiniambiente e che lascia ben sperare sul fatto che Montemiletto possa allinearsi ai comuni più virtuosi.

L’invito ai cittadini è quello di continuare a collaborare nel corretto conferimento dei rifiuti, un comportamento responsabile che oltre a ridurre l’impatto ambientale comporta minori costi per lo smaltimento. In un’ottica di riduzione dei costi per il comune e di riduzione della tariffa TARI per i cittadini, inoltre, é stata proposta una deliberazione per far decollare la pratica del compostaggio aerobico, che consentirà di utilizzare l’umido prodotto in casa o nella propria azienda agricola per creare compost per uso agricolo con una riduzione della tariffa del 15% per le utenze domestiche, e del 20% per le aziende agricole.

Attenzione è stata posta su questioni in sospeso da troppo tempo come la discarica a Bosco Lomba. Si è provveduto a redigere un apposito piano di caratterizzazione della discarica per poter accedere ai fondi, che permetteranno prima la caratterizzazione, successivamente la messa in sicurezza o bonifica del sito, al fine di ridare la giusta importanza ad una porzione di territorio da tempo dimenticato.

Accanto a questi risultati, è stato offerto un nuovo servizio per i cittadini di Montemiletto che già da mesi possono fruire di due Case dell’Acqua installate sul territorio comunale. Questo a dimostrazione dell’attenzione che si è posta sull’ambiente, con la finalità di promuovere comportamenti ecologicamente sostenibili e al contempo lanciare un messaggio sull’importanza dell’acqua come bene comune e risorsa pubblica da rispettare. Gli obiettivi perseguiti sono stati: la sostenibilità ambientale con la riduzione del consumo delle bottiglie di plastica che si è tradotto in un beneficio per il nostro ambiente, sempre più condizionato dallo smaltimento della plastica, e il risparmio per i cittadini che hanno la possibilità di usufruire del servizio a soli 5 centesimi.

Sul versante della depurazione gli impianti erano addirittura sprovvisti delle autorizzazioni necessarie per lo scarico delle acque reflue, condizione che ha  posto per anni il Comune in una posizione di mancato rispetto della legge. Nonostante ciò, presentiamo problemi strutturali quali la presenza di un depuratore funzionante ancora a gasolio e delle pompe di sollevamento vecchie di 40 anni con notevoli costi di manutenzione e gestione, che si sono avviati ad essere risolti. Nell’ambito del progetto del ponte di collegamento Montemiletto–Taurasi una variante sta permettendo di realizzare finalmente l’allaccio del depuratore alla rete elettrica. Invece,  grazie all’attività volta al recupero di un residuo di circa €. 120.000 su un finanziamento regionale del 2006 saranno baipassate le pompe di sollevamento di San Giovanni. Queste due operazioni, oltre a ridurre notevolmente l’impatto ambientale e a portare  un risparmio stimato per le casse comunali per i prossimi 5 anni stimati in circa € 300.000, saranno anche funzionali al nuovo all’ampliamento del sistema fognario.

Nonostante i limiti che presenta la macchina amministrativa, è stato possibile raggiungere questi obiettivi grazie ad una visione politica che ha tenuto insieme il rispetto per l’ambiente, le esigenze dei cittadini e la necessità di modernizzazione delle infrastrutture comunali. I risultati raggiunti, inoltre, dimostrano come una politica ambientale chiara e lungimirante può risolvere annosi problemi non solo a beneficio dell’ambiente, ma anche in ottica di maggiori servizi per i cittadini e di risparmio per le casse comunali”.