Moscati, Ugl-Siamo alla frutta

26

Moscati, Ugl: “In tempi di emergenza si corre ai ripari chiudendo ospedali o riducendo i servizi del pronto soccorso. Siamo alla frutta”

“La sanità irpina è in affanno, comprendo il discorso della carenza d’organico e le molteplici problematiche legate al comparto ma, ogni singolo cittadino ha il diritto di essere accolto in pronto soccorso pur non essendo un codice rosso. Tra l’altro chi, se non un sanitario, può stabilire la gravità di un malore o incidente? Dopo la chiusura dell’ospedale Landolfi continuiamo a ridurre o eliminare dal territorio servizi fondamentali anziché pianificare azioni di tutela dei cittadini e a salvaguardia della salute “.

Così in una nota congiunta Costantinos Vassiliadis, segretario provinciale dell’Ugl Avellino, e Stefano Caruso, segretario provinciale Ugl Salute, in merito alla decisione del direttore sanitario del “Moscati” di Avellino, Rosario Lanzetta, di sospendere, fino a fine agosto, l’ingresso di ambulanze del 118 che non hanno pazienti in codice rosso.

” In tempi di elezioni elettorali inviterei i politici a fare meno passerelle e a pensare ai tanti, troppi disagi, che assillano i cittadini. Cittadini invitati a votare in cambio di cosa? Di semplici slogan? – concludono i sindacalisti – Salute, lavoro e sicurezza devono essere tutele concrete non solo frasi ad effetto”.