Benevento – Prefettura e Camera di Commercio firmano il protocollo d’intesa per monitorare fenomeni anomali

84
Prefettura e Camera di Commercio firmano il protocollo d’intesa per monitorare fenomeni anomali
Nel condiviso intento di implementare le attività finalizzate a prevenire le infiltrazioni della
criminalità nell’economia della provincia sannita, il Prefetto Carlo Torlontano e il Commissario della Camera di Commercio, Salvatore Riccio hanno sottoscritto, questo pomeriggio, il Protocollo d’Intesa per favorire la legalità e la trasparenza nelle attività economiche.
Alla sottoscrizione erano presenti, il Questore Luigi Bonagura, i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Colonnelli Germano Passafiume e Mario Intelisano, le cui strutture operative, in attuazione dell’accordo, potranno avvalersi della piattaforma informatica ‘Regional Explorer – REX’ per monitorare eventuali fenomeni anomali che interessano la vita e l’attività delle imprese della provincia.
La Camera di Commercio ha, infatti, messo gratuitamente a disposizione della Prefettura e delle Forze dell’Ordine il proprio patrimonio informativo affinché possa essere tempestivamente realizzata una attività di analisi dell’andamento dei fenomeni relativi al sistema economico e imprenditoriale, per cogliere segnali di allarme in ordine al possibile inquinamento della realtà territoriale al fine di tutelare il tessuto produttivo locale.
Il Prefetto, nel ringraziare il Commissario della Camera di Commercio, Salvatore Riccio per “la disponibilità dimostrata nell’aver voluto procedere, a pochissimi giorni dal proprio insediamento, alla sottoscrizione del presente protocollo – ha sottolineato – come il Protocollo si inserisca, in linea di continuità, nel quadro di altre iniziative avviate fin dallo scorso anno dal Ministero dell’Interno, al fine di prevenire, stante la situazione di crisi economica aggravata dalla pandemia, il fenomeno dell’usura nonché possibili tentativi della criminalità organizzata di inserirsi nella proprietà e nella gestione delle imprese che soffrono di carenza di liquidità”.